Supporta Softemotion

Proverbi napoletani

(1 Vote)

Sei alla ricerca di un proverbio napoletano da condividere sui tuoi social? Sei nel posto giusto. Abbiamo selezionato per te una vasta raccolta di originali proverbi napoletani!

Attraverso questa vasta raccolta di proverbi potrai conoscere un po' la lingua di Napoli e capire la cultura napoletana, in quanto i proverbi, indirettamente, racchiudono il modo di vivere, di pensare e di agire di un popolo. I napoletani hanno moltissimi proverbi forse perché gli spagnoli (che conquistarono il Regno di Napoli) possedevano la maggior quantità di proverbi in Europa e molti di questi hanno origine nel carattere e nei costumi tipici di quella nazione.

Consulta questa pagina e dai uno sguardo ai tantissimi proverbi napoletani presenti e scegli quello che fa più per te!

Sei interessato ai proverbi, ma non in particolare ai proverbi napoletani? Consulta gratuitamente le nostre categorie di proverbi e scegli la tipologia che ti interessa di più!

 

Ecco l'elenco di proverbi napoletani scelti opportunamente per te!

 

Quatto li cose a ‘o munno ca fanno cunzula’: ‘a femmena, l’argiamma, lo suonno e lo magna’.

Quattro le cose al mondo che consolano: la donna, il denaro, il sonno ed il mangiare.


Dicette ‘o puorco all'aseno: tenimmece pulite!

Disse il porco all’asino: teniamoci puliti!


Attacca ‘o ciuccio addò vo' ‘o padrone

Lega l’asino dove vuole il padrone.


‘A meglio parola è chela ca nun se dice

La parola migliore è quella che non si dice.


Ogni scarrafone è bello ‘a mamma soja

Chiunque, per quanto poco attraente, è bello agli occhi della propria madre.


Aniello ‘ca nun se pava nun se stima

Anello, inteso come bene di valore, che si ottiene in regalo, quindi senza sforzo, non si apprezza, si tiene in poco conto proprio perché ottenuto facilmente.


 

Molti sostengono che Napoli sia la più bella città del mondo per tradizione e cultura. Rivivila attraverso i suoi fantastici proverbi napoletani, appositamente scelti per te!

 


L’amico è comme’ ‘o ‘mbrello: quannno chiove nun o truove maje

L'amico è come l'ombrello, non è mai a portata di mano quando piove.


Se po’ campá senza sapé pecché, ma non se po’ campá senza sapé pecchì.

Si può vivere senza sapere perché, ma non si puó vivere senza sapere per chi.


‘A lira fa ‘o ricco, a crianza fa o signore

La lira (il vecchio conio, inteso metaforicamente come soldi) fa il ricco, ma la creanza (la buona educazione) fa il signore.


A cuoppo cupo, poco pepe capa

In italiano "nel", cuoppo, ovvero il cartoccio conico usato dai venditori ambulanti per incartare il polpo, "poco pepe capa", ossia "entra".


Giacchino mettette ‘a legge e Giacchino fuje ‘mpiso

Gioacchino (Murat) istituì la legge e Gioacchino (stesso), fu impiccato.


Ntiempo'e tempesta, ogne pertuso è puorte'

In tempo di bufera ogni pertugio è porto.


Chi pecora se fa, ‘o lupo s’ ‘o magna

Chi si fa pecora, il lupo se la mangia.


Sott’ ‘e coperte nun se canosceno miserie.

Quando si è sotto le coperte con una donna si dimentica ogni povertà.


È meglio a tene’ ‘a mala spina ca nu malo vicino.

È meglio avere una spina nel fianco che un cattivo vicino.


L’ammore è comm’ ‘o ffuoco, guaje a chi ce pazzea.

L’amore è come il fuoco, guai a scherzarci.


Mannaggia ‘o suricillo e pezza ‘nfosa!

Mannaggia il topolino e lo straccio bagnato.


A' vita è n'apertura e cosce e ‘ na chiusura e cascia

La vita è un’apertura di cosce e una chiusura di cassa.


‘A mamma d’ ‘e strunze è sempre prena.

La mamma degli imbecilli è sempre incinta.


Ognuno è ricco ‘a casa soja.

Ognuno è Re della propria casa.


Chi nasce ciuccio, ciuccio se ne more.

Chi nasce asino, asino rimane.


 

Innamorarsi di Napoli è facile, rivivere la sua tradizione ancora di più attraverso i più belli proverbi napoletani scelti per te!

 


‘A femmena è ‘nu vrasiere ca s’aùsa sul”a sera.

La donna è un braciere che si adopera di sera.


A collera è petrosa: va ‘ncuòrpo e fa ‘e ppertose.

La collera è sassosa, entra in corpo e perfora.


Ccà nisciuno è fesso.

Qui nessuno è stupido.


Omme senza vizi è menesta senza sale.

L’uomo senza vizi è una minestra senza sale [ovvero è insipido]


Amice e vino ‘anna essere viecchie.

Amici e vino devono essere vecchi.


A ’stu munno, si ’nce lieve curnute e giudicate, nun ce resta cchiù nisciuno.

A questo mondo, se levi i cornuti e i delinquenti, non ci resta più nessuno.


Chi tene denare àve sèmpe ragione; chi nun ne tene àve sèmpe tuorto.

Chi ha denari ha sempre ragione; chi non ne ha ha sempre torto.


Dicette o pappice vicino a’ noce, ramm’ o tiemp’ ca te spertose

Disse il verme alla noce: dammi tempo che ti perforo.


Dicette ‘o ciciniello vicino ‘o squal : “pur’io sò pesce”

Disse il latterino allo squalo: “”pure io sono pesce”.


S'è aunito ‘o strummolo ‘a tiriteppola e ‘a funicella corta

Si sono uniti la trottola che gira fuori centro e lo spago corto.


Chi nun sta ‘a sentì a mamma e pate va a murì addò nun sape

Chi non sta a sentire madre e padre va a morire dove non sa.


A chi parla areto ‘o culo ‘o risponne

A chi parla alle spalle, il sedere gli risponde.


‘A raggiona è d”e fesse.

La ragione è degli stupidi.


Chi tene belli denare sempe conta; chi tene bella mugliera sempe canta.

Chi ha bei denari sempre conta; chi ha bella moglie sempre canta.


O’ core, chiagni pe’ conto tuo, io mo’ sto allegro

O cuore, piangi per conto tuo, io me ne sto allegro.


Compagno, tu fatiche e io magno!

Compagno, tu lavori e io mangio. [Per descrivere la furbizia degli sfaticati]


A ppava’ e a mmuri’, quanno cchiù tarde è pussìbbele.

Pagare e morire, il più tardi possibile.


‘A collera è fatta a cuoppo, chi s' ‘a piglia schiatta ‘ncuorpo

L’ira è come un cartoccio, chi la prova scoppia in corpo.


Parlanno do diavulo, spuntajeno ‘e ccorna.

Parlando del diavolo, apparvero le corna.


 

La tradizione napoletana si poggia su massime, dialetti e proverbi imitati e studiati in tutto il mondo. Consulta tutti i proverbi napoletani scelti per te!

 


Chi nasce tunno nun pò murì quatro.

Chi nasce rotondo non può morire quadrato [ovvero chi nasce con un determinato carattere non potrà mutarlo con facilità]


Chi chiagne fotte a chi ride

Chi piange frega a chi ride.


Chi nasce afflitto more scunzulato

Chi nasce pessimista, muore sconsolato.


Co ‘a vocca chiusa nun traseno mosche

Con la bocca chiusa non entrano le mosche.


Chi nun sape chiagnere nun sape manche rirere.

Chi non sa piangere non sa neanche ridere.


O’Pataterno dà o’ppane a chi nun tene e’dienti.

Il Signore dà il pane a chi non ha i denti.


‘A miseria è comme ‘a tosse.

La povertà è come la tosse. [ovvero la povertà non può nascondersi]


A chi pazzèa cu’ ‘o ciuccio nun le mancano ‘e càuce.

A chi gioca con l’asino non gli mancano i calci.


Chi nun stima lo scuorno nun stima lo corno.

Chi non prova vergogna, non conosce neppure il valore dell’onore.


Vótta chiéna tiéne ‘mmàno.

A botte piena, risparmia. [ovvero quando c’è disponibilità economica è il momento di risparmiare]


Luntano dall’uocchie, luntano da ‘o còre.

Lontano dagli occhi, lontano dal cuore.


Chi cumanna nun suda.

Chi comanda non suda.


Ogne bella scarpa cu’ ‘o tiempo addiventa scarpone.

Ogni bella scarpa col tempo diventa scarpone .[ovvero anche le donne più belle diventano brutte e sgraziate]


‘A Cunferenza è padrona d' ‘a malacrianza.

Troppa confidenza porta alla maleducazione.


A' lietto astritto, cuccate ammiezo.

A letto stretto addormentati in mezzo.


Meglio nu ciuccio vivo, ca nu duttore muorto.

Meglio un asino vivo che un dottore morto.


Dicette Pulecenella: ‘Nu maccarone vale cchiù ‘e ciente vermecielle

Disse Pulcinella: Un maccherone vale più di cento vermicelli.


Dopp' arrubbate, Pullecenella mettette ‘e cancielle ‘e fierro

Dopo essere stato derubato pulcinella mise i cancelli di ferro.


Nu’ sputà ‘ncielo,ca ‘nfaccia te torna.

Non sputare in cielo chè ti ricadrà sul volto. [ovvero non disprezzare il bene, perché quel disprezzo si ritorcerà contro di te]


L’ammore fa passà ‘o tiempo e ‘o tiempo fa passà l’ammore.

L’amore fa passare il tempo e il tempo fa passare l’amore.


‘A femmena bona, si tentata, resta onesta, nun è stata bona tentata.

Se una brava donna resta tale pur se tentata, allora non è stata ben tentata.


 

Cerchi un proverbio napoletano? Sei nel posto giusto, trova il proverbio napoletano che fa per te!

 


Chella che l’aiza ‘na vota l’aiza sempe.

La donna che l’ha fatto una volta, lo farà sempre.


‘E viécchie lle próre ‘o cupiérchio.

Ai vecchi prude il sedere. [ovvero con la vecchiaia non si spengono le voglie]


Ammore verace è quanno s’appicceca e se fa’ pace.

Il vero amore è quando si litiga e si fa la pace.


‘O cummanna’ è meglio d’ ‘o fottere.

Comandare è meglio che fottere.


E' asciuto pazzo ‘o patrone!

Il padrone è diventato pazzo.


‘E chiacchiere s' ‘e pporta ‘o viento; ‘e maccarune jengheno ‘a panza

Le chiacchiere se le porta il vento; i maccheroni riempiono la pancia.


E deritte moreno pe' mmane d' ‘e fessi

Gli intelligenti muoiono per mano degli stupidi.


‘E mmalatìe veneno a cavallo e se ne vanno ‘a ppère

Le malettie vengono a cavallo e vanno via a piedi.


E solde fanno venì ‘a vista ‘e cecate

I soldi fanno tornare la vista ai ciechi.


Pazzo chi joca e pazzo chi nun ghioca.

Pazzo chi gioca e pazzo chi non gioca. [Nella vita è folle rischiare, ma lo è anche non farlo]


‘A femmena pe’ l’ommo addiventa pazza, l’ommo p’ ‘a femmena addiventa fesso.

La donna per l’uomo impazzisce, l’uomo per la donna rimbecillisce.


Dicette ‘o parrucchiano: "Fa chello ca te dico je e no chello ca facc' je"

Disse il prete: "Fa quel che dico, ma non ciò che faccio".


‘E bizzoche prejano a Ddio e sfessano ‘o prossemo

Le bigotte pregano Dio e sparlano del prossimo.


Quann' ‘o mare è calmo, ogni strunz è marenaro

Quando il mare è calmo, ogni stupido è marinaio.


Chiacchiere e tabacchere ‘e lignamme ‘o banco ‘e napule nun ne ‘mpegna

Chiacchiere e tabacchiere di legno il Banco di Napoli non ne impegna.


Storta va, deritta vene

Storta va, diritta viene.


A mangià jamm bell e a durmì nisciun ce passa

A mangiare andiamo bene e a dormire nessuno ci supera.


‘E voglia ‘e mettere rum, chi nasce strunz’ nun po’ addiventà babbà.

Hai voglia a metterci il rum, chi nasce stronzo non può diventare babà.


Frije ‘e pisce e guarda ‘a jatta

Friggi il pesce e guarda la gatta.


Càrte e ddònne fànno chéllo che vvònno.

Carte e donne fanno quello che vogliono.


Vide Napule e po’ muore!

Espressione con la quale si vuole alludere alla bellezza di Napoli, dopo di che non c’è altro di più bello da vedere.


E strunze saglieno sempe a galla.

Gli stronzi vengono sempre a galla.


Quann' ‘o perucchio saglie ‘ngloria, perde ‘a scienza e ‘a memoria

Quando il pidocchio sale in gloria, perde la ragione e la memoria.


Ommo ‘nzurato, ommo ‘nguajato.

Uomo sposato, uomo inguaiato.


Faccia tosta campaje, faccia moscia murette

La faccia tosta visse, il timido morì.


Nun sputà n'ciel ca n'facc te torna

Non sputare in cielo perchè in faccia ti torna.


 

Softemotion.it ti mette a disposizione la più vasta scelta di proverbi napoletani appositamente scelti per te!

 


‘A femmena bona si è tentata e resta onesta… nun è stata bona tentata!

La donna bella se è messa in tentazione e resta onesta… non è stata tentata bene!


Chi vol o mal e sta casa edda muri’ primm che stras.

Chi vuole il male di questa casa deve morire prima di entrare.


A carne ‘a sotto e ‘e maccarune ‘a coppa.

La carne sotto e i maccheroni sopra. [ovvero le cose vanno al contrario di come dovrebbero andare]


‘O pesce fete d' ‘a capa

Il pesce puzza dalla testa.


Chi vol o mal e sta casa edda muri’ primm che stras.

Chi vuole il male di questa casa deve morire prima di entrare.


A carne ‘a sotto e ‘e maccarune ‘a coppa.

La carne sotto e i maccheroni sopra. [ovvero le cose vanno al contrario di come dovrebbero andare]


‘O scarparo porta ‘e ppeggio scarpe

Il calzolaio porta le scarpe peggiori.


‘O sparagno nun è maje guadagno

Il risparmio non è mai guadagno.


A verità è figlia d’ ‘o tiempo.

La verità è figlia del tempo.


‘Mparate a parlà, no a faticà.

Impara a parlare, non a lavorare.


Mentre ‘o miedeco sturéa, ‘o malato se ne more.

Mentre il medico studia, il malato muore.


‘A gallina fa ll'uovo e a ‘o gallo ll'abbruscia ‘o mazzo

La gallina fa l’uovo e al gallo brucia il sedere.


Acqua cà nun cammin fa pantano e feta

Acqua che non cammina, fa pantano e puzza.


Ogni capa è ‘nu tribunale

Ogni testa è un tribunale.


‘A gatta, pe gghì ‘e pressa, facette ‘e figlie cecate

La gatta per andare di fretta fece i figli cechi.


‘A fortuna è comme l’anguilla: cchiù penzammo d’ ‘a putè agguanta e cchiù ‘nce sciulia.

La fortuna è come l’anguilla: quando credi di averla afferrata sfugge.


A guerra cerca ‘a pace e ‘a pace cerca ‘a guerra.

La guerra cerca la pace e la pace cerca la guerra.


‘A fissazióne è pèggio d’a malatìa.

La fissazione è peggio della malattia.


Chi è povero ‘e denaro è ricco ‘e core.

Chi è povero di denaro è ricco nel cuore.


Dio te guarda da ‘e pezziente sagliute

Dio ti guardi dal pezzente arricchito.

 

Cosa se ne pensi dei nostri proverbi napoletani? Speriamo siano stati di tuo gradimento. Hai qualche proverbio napoletano da suggerirci?

Commenta l'articolo inserendo il tuo proverbio napoletano. Il nostro team valuterà il tuo proverbio napoletano e se verrà approvato lo pubblicherà nell'elenco dei proverbi napoletani di Softemotion.it!

Sei interessato ai proverbi, ma non in particolare ai proverbi napoletani? Consulta gratuitamente le nostre categorie di proverbi e scegli la tipologia che ti interessa di più!


Lascia un commento

logo

Softemotion.it

info[@]softemotion.it

Supporta Softemotion

I nostri valori

Creatività, fantasia e ricchezza di contenuti.

Con Softemotion.it riuscirai sempre ad emozionare la tua persona importante!

Copyright ©2019 Tutti i diritti sono riservati. E' vietato riprodurre il contenuto di questo sito senza autorizzazione. Realizzato da Digital Advice Srl

Consominiosereno.itUnconsigliosu.it